Materiale
Informativo
avatar

BP Vigolzone

1 anno fa

PATTO DI COLLABORAZIONE 

(a lato in allegato il documento originale firmato)

TRA

Il Comune di Vigolzone, rappresentato da Stefano Favari, responsabile affari generali e istituzionali.

E

  • L’associazione Rio Chiavica, rappresentata dal signor Umberto Gandi, di seguito proponente A.

PREMESSO

  • che l’art.118, comma 4, della Costituzione riconosce il principio di sussidiarietà orizzontale, affidando ai soggetti che costituiscono la Repubblica il compito di favorire l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale;

  • che con il “Regolamento comunale per la partecipazione dei cittadini” redatto e approvato nel 2017, il Comune di Vigolzone si è proposto di perseguire quanto segue:

    • promuovere coesione sociale facilitando l'individuazione di obiettivi e di mezzi condivisi, e governando la conflittualità; 

    • valorizzare saperi locali e competenze presenti nella comunità, l’impegno verso la comunità locale; 

    • alimentare la fiducia collettiva anche attraverso il confronto critico costruttivo;

    • rafforzare l’impegno civico e la costruzione di alleanze con le istituzioni nel prendersi cura dei beni comuni per il territorio, l’ambiente, la sicurezza, la legalità, la salute, l'istruzione, la cultura, i servizi e le strutture pubbliche; 

    • favorire informazione e comunicazione trasparenti per diffondere cittadinanza attiva. 

  • che la Delibera di giunta n° 024 del 22/04/2020 autorizza la sperimentazione in merito alla stipula di Patti di Collaborazione tra il Comune di Vigolzone e cittadini, singoli e associati, per la cura di beni comuni e l’accesso a specifiche forme di sostegno. 

1. OBIETTIVI E AZIONI DI CURA CONDIVISA

Il presente Patto di Collaborazione (in seguito, il Patto) definisce le modalità di collaborazione tra il Comune di Vigolzone e i proponenti A e B per la gestione e la cura del percorso del Parco Anello, con particolare riferimento al tratto compreso tra la strada della Valle e la strada della Crosa, ove sorge l’antico torrione di Sant’Angelo.

Il Parco Anello è un percorso pedonale e ciclabile che circonda il capoluogo e valorizza un importante patrimonio storico e paesaggistico delineato da antiche strade comunali e poderali.

Nel tratto sopraindicato è presente tra l’altro la torre denominata Sant'Angelo, con ogni probabilità la chiesa più antica del paese sorta tra il VII e l’VIII secolo forse ad opera dei Longobardi.

L'interesse storico per questo luogo è dato anche da un altro elemento: secondo alcuni studiosi fu proprio in località Sant'Angelo che Annibale inflisse una terribile sconfitta alle truppe romane guidate da Scipione nell’anno 218 a.C.

In questa particolare zona l’erosione del Nure, già da alcuni anni, sta sottraendo terreno alla sponda sinistra del torrente, mettendo a rischio la stabilità del torrione e provocando il progressivo spostamento del sentiero del Parco Anello sui terreni privati, laddove il percorso originario correva su terreno demaniale. 

La collaborazione vuole dunque porre in essere le condizioni e le azioni necessarie:

  • al mantenimento della continuità e delle buone condizioni del percorso del Parco Anello;

  • alla salvaguardia del torrione di Sant’Angelo.

2. OGGETTO DELLA PROPOSTA

Nello specifico la proposta riguarda:

  • la gestione, la cura, la manutenzione e il miglioramento dei sentieri del Parco Anello compresi tra la strada della Valle e la strada della Crosa, sia nel loro percorso originario che nell’attuale percorso alternativo determinato dall’erosione spondale del Nure;

  • il progetto di sistemazione della muraglia di difesa spondale in corrispondenza del torrione di San’Angelo, per proteggere il torrione e i terreni attigui dall’erosione del torrente Nure.

3. MODALITÀ DI COLLABORAZIONE

Le parti si impegnano ad operare:

- in uno spirito di leale collaborazione per la migliore realizzazione delle attività;

- conformando la propria attività ai principi della sussidiarietà, efficienza, economicità,

trasparenza e sicurezza;

- ispirando le proprie relazioni ai principi di fiducia reciproca, responsabilità, sostenibilità, proporzionalità, piena e tempestiva circolarità delle informazioni, valorizzando il pregio della partecipazione. In particolare le parti si impegnano a scambiarsi tutte le informazioni utili per il proficuo svolgimento delle attività anche mediante il coinvolgimento di altri Settori e Servizi interni ed esterni all’Amministrazione Comunale;

- svolgere le attività oggetto del presente patto nel rispetto dei principi della delibera di giunta  n° 024 del 22/04/2020.

 

Il proponente A si impegna a:

  • provvedere alla manutenzione dei sentieri su cui corre il Parco Anello, in particolare svolgendo:

- sfalcio dell’erba 

- contenimento delle eventuali siepi e degli arbusti 

- manutenzione della segnaletica posizionata dal Comune

 

Inoltre, qualora si reperissero i fondi necessari alla realizzazione delle opere di ristrutturazione della muraglia spondale in corrispondenza del torrione di Sant’Angelo come da progetto allegato (o tramite Bilancio Partecipativo, o tramite altri canali di finanziamento), i proponenti si impegnano a:

 

Il proponente A:

  • contribuire al finanziamento dell’opera con il reperimento della necessaria integrazione.

 

In generale il proponente si rende disponibile a fornire manodopera per tutte le possibili migliorie agli spazi in oggetto.

4. MONITORAGGIO E COMUNICAZIONE 

Il proponente si impegna a fornire annualmente al Comune una sintetica relazione dei lavori svolti e dello stato dei sentieri del Parco Anello.

5. FORME DI SOSTEGNO 

Il Comune di Vigolzone sostiene la realizzazione delle attività concordate attraverso:

- verifica e riposizionamento della segnaletica presente e supporto logistico per l’eventuale trasporto di materiali;

- il co-finanziamento delle opere di miglioramento richieste dai proponenti attraverso Bilancio Partecipativo, in caso di vittoria.

 

Può essere accolto il sostegno economico, o comunque materiale, da parte di soggetti terzi, che vogliano contribuire con donazioni in denaro, fornitura di materiali, di consulenze o di manodopera.

6. DURATA SOSPENSIONE E REVOCA

La durata del presente patto di collaborazione è di 2 anni, a decorrere dalla data di sottoscrizione del patto medesimo.

E’ onere dei proponenti dare immediata comunicazione di eventuali interruzioni o cessazioni delle attività o iniziative e di ogni evento che possa incidere su quanto concordato nel presente patto di collaborazione.

Il Comune, per sopravvenuti motivi di interesse generale, può disporre la revoca del presente patto di collaborazione.

7. RESPONSABILITA’

I proponenti e il Comune si impegnano a sottoscrivere il Patto e a implementarne i contenuti, rispettando il principi ispiratori e le indicazioni fornite dal Comune circa le modalità operative per operare in sicurezza ed efficienza, utilizzando e gestendo correttamente spazi e strumenti forniti.

 

Il Comune estende ai cittadini coinvolti nella realizzazione degli interventi di miglioramento e manutenzione sopraindicati la copertura assicurativa per infortuni/danni verso terzi; i cittadini coinvolti, a tal fine dovranno richiedere l’iscrizione nel registro dei cittadini attivi.

8. INFORMATIVA SU PRIVACY E UTILIZZO DEI DATI FORNITI

Finalità di trattamento

Il Comune di Vigolzone, tratterà i dati personali conferiti dai sottoscrittori del Patto, dai cittadini attivi che prestano il proprio contributo per le attività sopra descritte, dai soggetti terzi contributori, per le seguenti finalità:

  1. Identificare i soggetti partecipanti e mantenere gli eventuali contatti necessari all’implementazione del Patto;

  2. Il Comune si riserva inoltre la possibilità di utilizzare il nome e/o il logo rappresentativo di cittadini attivi e soggetti terzi che contribuiscono in vari modi alla cura del bene comune in oggetto, a scopo di ringraziamento e di promozione dell’iniziativa, per la realizzazione di targhe di riconoscimento e la produzione di materiale promozionale relativo all’iniziativa generale dei Patti di Collaborazione. In nessun modo la visibilità conferita rappresenta una forma di corrispettivo per il contributo dato alla cura del bene comune;

 

Tipologia di dati trattati

Dati personali comuni

dati identificativi: cognome e nome, residenza, domicilio, dati di contatto (mail, domicilio, numero telefonico ECC)

 

Base giuRIdica

per la finalità di cui al punto a): il trattamento è necessario per l'esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso all'esercizio di pubblici poteri.

Per la finalità di cui al punto b): consenso al trattamento dei propri dati personali.

Natura del conferimento

Il conferimento dei dati è necessario per la finalità di cui al punto a), facoltativo per la finalità di cui al punto b).

Conservazione

I dati saranno trattati per tutto il tempo necessario all'erogazione della prestazione o del servizio e, successivamente alla conclusione del procedimento o del servizio erogato, i dati saranno conservati in conformità alle norme sulla conservazione della documentazione amministrativa.

Modalità di trattamento

Il trattamento avverrà in modalità cartacea e informatica.

Soggetti che possono trattare i dati

Titolare, autorizzati, responsabili esterni individuati e nominati dal Titolare.

Comunicazione e diffusione

Persone fisiche, altri soggetti privati, enti o associazioni, unicamente in caso di espressa previsione di legge.

Organi Ispettivi

Pubbliche amministrazioni, altri soggetti pubblici e/o gestori di pubblici servizi per il perseguimento di finalità istituzionali proprie e/o per l’erogazione di servizi pubblici in nome e per conto del Comune.

I dati saranno diffusi nei soli casi previsti dalla vigente normativa generale e per tale motivo non si rende necessario il consenso dell’interessato.

Trasferimento dati all’estero

Attualmente il Titolare del trattamento non attua trasferimento dei dati personali dei sottoscrittori a un paese terzo o a un'organizzazione internazionale.

Diritti

I sottoscrittori potranno, in qualsiasi momento, esercitare i diritti di:

  • richiedere la conferma dell'esistenza o meno dei dati che lo riguardano;

  • ottenere la loro comunicazione in forma intelligibile;

  • richiedere di conoscere l’origine dei dati personali, le finalità e modalità del trattamento, la logica applicata se il trattamento è effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;

  • ottenere la rettifica, la cancellazione, la limitazione o la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge;

  • aggiornare, correggere o integrare i dati che lo riguardano;

  • opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei dati;

  • proporre reclamo all’Autorità di Controllo Italiana - Garante per la protezione dei dati personali - Piazza di Monte Citorio n. 121 – 00186 Roma.

Dati di contatto

L’interessato potrà rivolgere le sue richieste o esercitare i suoi diritti rivolgendosi ai seguenti contatti:

Titolare



Comune di Vigolzone

Tel:  0523872711

Mail: comune.vigolzone@comune.vigolzone.pc.it

Pec: comune.vigolzone@sintranet.legalmail.it

Web: https://www.comune.vigolzone.pc.it/

DPO

Dott.ssa Simona Persi



dpo@comune.vigolzone.pc.it

Presso il Titolare è disponibile l’elenco aggiornato dei Responsabili esterni nominati.

Nessuna risposta inviata